Val Del Chiese
Marco e il Lago d’Idro
lug
19
2014

Marco e il Lago d’Idro

Acque limpide sotto di voi… cielo terso sopra di voi e lo spettacolo delle montagne che circondano uno specchio d’acqua.

E’ questa la sensazione che potrete provare concedendovi un giretto in barca sul Lago d’Idro.
A confermarlo  Marco Salvotelli, 28 anni, pasticcere che si divide come insegnante alla scuola alberghiera e gestore dell’albergo di famiglia.

«Su questo lago – spiega Marco – ci sono tantissime barche e anche molti pescatori. Anch’io, quando ho il giorno libero lo sfrutto con la barca ed è sicuramente una bella esperienza da fare sul lago».

Lago d'Idro

«Ci sono molte persone – aggiunge infatti Marco – che vogliono scoprire il lago da un altro punto di vista ed è proprio per questo che in piena estate il lago pullula».

Se deciderete quindi di intraprendere questo “viaggio” vi troverete in buona compagnia con catamarani, barche a vela, canoe, pedalò, barche a remi e ancora surf e kitesurf.

Questo perchè, continua Marco «in questo modo è possibile vedere degli angoli nascosti del lago, come la zona che va verso Vesta, la statua di Gesù e la Rocca d’Anfo. Quest’ultima è straordinaria se vista dal basso perché ti dà l’idea della sua grandezza».

Inoltre, prosegue Marco «è un’esperienza che ti permette di cambiare prospettiva. In questo caso hai la possibilità di vedere il lago non dalla riva, ma dal lago stesso e questo ti permette di vedere la nostra vallata in modo splendido, con il castello di San Giovanni e una miriade di case che circondano il lago».

Lago d'Idro

Ora a far sì che questo “sogno” diventi realtà c’è anche il battello che, da alcuni anni, collega le sponde del lago d’Idro grazie ai suoi 4 giri al giorno e alle coincidenze con gli altri mezzi pubblici «un servizio che – aggiunge Marco – è sempre più apprezzato anche come servizio di trasporto alternativo sia dai turisti che dalle persone del posto».

Alcuni lo utilizzano ad esempio per poter andare al mercato di Idro, altri invece, per godere del panorama anche perchè, spiega Marco «ti permette di osservare e godere di una flora e di una fauna che si può vedere quasi unicamente facendo il giro, come ad esempio gli aironi».

battello lago idro

Un lago che per Marco è sinonimo di casa. «Vivo i ricordi di esserci nato e ne ammiro la bellezza - conclude Marco – e considero un lusso avere un lago a portata di mano. Il mio rapporto con il lago è un rapporto di famiglia. Sono cresciuto lì, passando dalle cucine e dalle sale del ristorante alla spiaggia».

   
POSTATO IN: acqua, Senza categoria, sogni, turisti | 19 luglio 2014 - 8,37
Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.




Invia Commento