Val Del Chiese
Luca, arrampicatore di cascate ghiacciate
ott
29
2013

Luca, arrampicatore di cascate ghiacciate

La giornata di Luca Tamburini inizia alle 3 e un quarto tutti i giorni (o meglio, tutte le notti).

Si alza, carica il pesce prodotto dall’azienda di Andrea  Armanini, lo trasporta e lo vende in tutta la zona di Riva del Garda.

Poi nel primo pomeriggio torna a casa, forse si riposa un attimo, ma subito dopo è pronto per raggiungere una qualche parete da arrampicare, o salta il sella alla mountain bike e percorre qualche sentiero di montagna, o ancora inforca gli sci e si lancia fuoripista. O addirittura si lancia col suo parapendio.

Una cosa è sicura: Luca vive ventiquattr’ore, dice lui, e passa una parte di esse a fare qualche sport outdoor per il Chiese.

“La verità è che quando vivi in un posto simile, non ha senso stare fermi, ci sono troppe belle cose da fare tra le montagne”.

Forse l’ultima arrivata tra le passioni di Luca è l’arrampicata sulle cascate ghiacciate. Avevamo già parlato di questa bellissima variante dell’alpinismo tradizionale attraverso Placido,  quella specie di Zio di tutti gli scalatori della Valle di Daone.

Ed è stato proprio Placido a dare il là alla storia d’amore tra Luca e il ghiaccio. “Arrampicavo già da anni, e un giorno Placido mi dice di un bresciano che cerca un compagno per scalare le cascate ghiacciate. Da allora Giorgio è un socio inseparabile di arrampicate e grandi avventure. Un grande amico. Andare per montagna, in ogni modo, è qualcosa di molto conviviale. Aiuta a conoscere davvero bene le altre persone. E lo si può fare solo con chi si condividono tante cose”, dice Luca.

Immagine Allegata
POSTATO IN: roccia | 29 ottobre 2013 - 8,04
Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.




Invia Commento