Val Del Chiese
Alan e la Val di Fumo
mag
30
2014

Alan e la Val di Fumo

‘Na val stupenda che la fa aprir el cor da la belezza.

Un mix incredibile di profumi, colori e panorami mozzafiato che si ripetono e ricombinano ad ogni stagione.

Potrebbe essere questa una brevissima sintesi di ciò che la Val di Fumo è, anche per chi, come Alan Pellizzari, 35enne di Daone, la conosce  e la vive da sempre.

«Questa – spiega Alan – è una valle stupenda capace di rilassarti e di farti sentire in paradiso. Ogni tratto di strada che si percorre ha una sua essenza, di resina nelle ceppaie,di muschio nelle radure, quella di timo nelle praterie ed infine quella di ginepro nelle zone rocciose».

Tanto che, ammette Alan  «pur essendo immerso nella natura ogni giorno come custode forestale a Storo quando sono in ferie vado nella “mia valle“».

Una panoramica della Val di Fumo

La Val di Fumo si inserisce nel territorio del comune di Daone, che Alan amministra come assessore, e all’interno del Parco Naturale Adamello Brenta.

«Una valle stupenda in ogni stagione – aggiunge Alan – e a colpire, oltre ai profumi sono anche i colori. In autunno a contraddistinguerla c’è il giallo dei larici, il rosso del sorbo degli uccellatori, il verde del pino cimbro, il grigio del granito e il bianco della cime e del ghiacciaio che lo contorna. In inverno il bianco della neve. Poi la primavera, rosa di rododendri e l’estate color cristallo delle acque, limpide come il vetro e tanto trasparenti da permettere di vedere il fondale».

Acqua in Val di Fumo

Difficile, per non dire impossibile, trovare una sola cosa che Alan non ami della “sua” valle anche per quanto riguarda fauna e flora «abbiamo camosci – continua -  cervi e caprioli, galli forcelli, pernici bianche, il slamerino, la trota fario, l’aquila reale e l’orso. Per non parlare del fatto che, avendo una conformazione diversa a destra e a sinistra, anche la flora è unica e in alcuni casi, presente solo in uno di questi due ambienti. Abbiamo delle specie endemiche come la Primula daunensis e poi mirtilli, erbe officianali, funghi, radicchio dell’orso, erbe medicinali di montagna».

Sentimenti forti che Alan condivide con tutta la sua famiglia «mio figlio – aggiunge – viene con me a pescare e mia figlia per andare nel fiume.

Escursione in Valle del Chiese

A preservare l’equilibrio di questa valle c’è un altro elemento importante: «la Val di Fumo è una valle “incontaminata”, non ci sono strade e ci si arriva solo dopo una passeggiata… comoda, ma – scherza Alan – non certo da scarpe da tennis».

Infine, un’ottima meta anche per gli appassionati della Grande Guerra Bianca, visto che i suoi pendii e le sue cime celano ancora i reperti della Prima guerra mondiale.

Insomma, conclude Alan: «l’è la me val, ‘na val stupenda che la fa aprir el cor da la belezza».

   
POSTATO IN: Senza categoria | 30 maggio 2014 - 12,32
Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.




Invia Commento